{[adsense:type=leaderboard]}

Il mito di Sherlock Holmes

Articolo approfondimento del di

Sherlock Holmes

La figura dell’investigatore è spesso associata al personaggio di Sherlock Holmes.
Molti infatti  vedono in lui delle caratteristiche comuni con gli investigatori attuali come ad esempio il modo in cui è  condotta un’indagine; ma vediamo come nasce questo personaggio e quali potrebbero essere i punti di contatto tra lui e l’investigatore moderno.

Sherlock Holmes fece la sua prima apparizione nel libro di Arthur Conan Doyle “Uno Studio in Rosso” nel quale viene messo in evidenza il suo straordinario metodo d’investigazione.

Successivamente l’autore  si cimentò nel raccontare molte storie su questo personaggio, perché il successo  fu tale, da spingere l’autore  ad aggiungere sempre nuove caratteristiche al ritratto del protagonista dei sui romanzi, che diventerà così nell’immaginario collettivo il modello di investigatore per eccellenza.

All'investigatore si inspirò anche il cinema, infatti ci furono numerosi adattamenti cinematografici ai romanzi di Arthur Conan Doyle l’ultimo dei quali risale al 2012.

Holmes si presenta in questo modo: berretto irlandese, pipa in bocca e un lungo impermeabile, egli trascorre gran parte delle sue giornate nel suo studio all'interno della sua casa di Londra a Baker Street , in compagnia del suo prezioso aiutante Watson  dedicandosi all’attenta  analisi di casi difficili, che per la maggior parte degli investigatori risulterebbero complicati e probabilmente irrisolvibili, ma non per lui.

Il suo metodo tipico per svolgere le sue indagini è quello scientifico il quale consiste nell’esaminare accuratamente le prove per farsi un’idea generale.
In seguito solamente analizzando più a fondo la questione si giungerà ad una conclusione oggettiva.

Il nostro investigatore non tralascia nessun indizio e nessuna informazione, ogni minimo dettaglio potrebbe portare alla risoluzione del caso e non consideralo significherebbe quindi non arrivare alla verità.

Anche gli investigatori moderni, inspirandosi alla mitica figura di Sherlock Holmes, analizzano i casi in modo scientifico , avvalendosi anche dell’aiuto delle nuove apparecchiature elettroniche e dei computer  che li supportano e gli consentono una maggiore rapidità  nella verifica degli indizi.

Gli investigatori fanno dei veri e propri appostamenti, armati di macchine fotografiche ultramoderne.

A modo suo anche Sherlock Holmes utilizzava gli strumenti della sua epoca, infatti egli seguiva le tracce dei suoi casi portando sempre con se una lente d’ingrandimento.

Un altro aspetto in comune tra Holmes e gli investigatori moderni è il fascino che esercitano su tutti coloro con i quali vengono a contatto , infatti la loro professione li avvolge in un alone di mistero, che attrae ed al tempo stesso intimorisce.

Le investigazioni sono un settore molto delicato e devono essere svolte da persone competenti, esperte nell’uso delle nuove tecnologie e preparate dal punto di vista delle normative, al fine di non incorrere in problematiche di ordine legale.

Un buon investigatore dovrebbe infine seguire un metodo ben preciso per condurre le sue indagini e quello scientifico di Holmes è uno dei migliori poiché nella maggior parte dei casi porta alla risoluzione delle indagini.

Il ruolo che ha avuto il personaggio di Sherlock Holmes è molto rilevante in quanto senza di lui forse gli investigatori di oggi non avrebbero potuto svolgere la loro professione in modo cosi accurato, seguendo le indagini in maniera precisa senza tralasciare  il minimo dettaglio.

Immagini correlate